Etichette - Labels

martedì 2 marzo 2010

PUFF, PUFF... PANT, PANT

Mannaggia .... mi è sembrato di postare solo ieri, ed invece è già passato un altro mese, ma non si può rallentare un po'??? Vabbè ... facciamo qualche passo indietro.

A settembre ho deciso, e questa volta sul serio, di fare una dieta. Qualche chilo in meno sulla mia disastrata schiena non potevano che far bene!
Passata quasi indenne le festività natalizie, ho avuto qualche piccolo raptus goloso.... penso sia normale. All'ultima visita la mia Dottoressa mi consiglia di buttare le energie che impiegherei per aprire lo sportello del frigo in qualche cosa di creativo.... ah ah ah! Non è che un invito a nozze per me che ne combino di cotte e di crude .... quindi, questa volta la mia creatività si è spostata proprio in cucina!
Ho deciso di partecipare ad un concorso...... Per tutte le info, e se vi andasse di partecipare, potete cliccare qui.


Il tema del contest è ovviamente pasquale, visto che questa festa è praticamente dietro l'angolo, e la mia scelta è ricaduta in un dolce pasquale originario della mia città, Perugia: la Ciaramicola.

Ne esistono di diverse versioni, ovviamente questo varia un po' da comune a comune, o da famiglia a famiglia. Io ho fatto quella che con mia Mamma facciamo da anni.



CIARAMICOLA

Ingredienti:
400 g farina "00";
100 g fecola di patate;
200 g zucchero;
200 g margarina;
1 cartina di lievito per dolci;
1 tazza da caffelatte per metà riempita con rum e l'altra metà con alchermes (liquore rosso);
5 uova;
1 scorza di limone grattugiato.

Per la copertura:
200 g zucchero a velo;
confettini colorati.

Preparazione:
Cominciate facendo sciogliere a bagnomaria la margarina, quindi fatela raffreddare. In un recipiente, abbastanza capiente, setacciate farina e fecola di patate, unire 3 uova intere e 2 rossi, lo zucchero, i liquori, la margarina sciolta e tiepida, la buccia grattugiata del limone e un pizzico di sale. I 2 albumi rimanenti teneteli da parte e poneteli in frigo mentre continuate a preparare la torta. Quando otterrete un impasto omogeneo aggiungete il lievito. Imburrate accuratamente ed infarinate uno stampo, meglio se di quelli con il buco al centro, ma poi la forma è a vostro piacimento. Appena avrete riscaldato il forno a 180°C infornate la Ciaramicola e fatela cuocere per 40 minuti. A cottura quasi ultimata prendete i 2 albumi tenuti da parte, montateli a neve ben ferma e unite, poco per volta, lo zucchero a velo. E' preferibile aggiungere alla meringa anche un pizzico di sale....
Appena il vostro dolce sarà cotto, lasciate ancora per un momento il forno acceso, sformate la vostra Ciaramicola, mettetela su di un piatto che deve poter andare in forno, e con l'aiuto di una spatola ricoprite il dolce con la meringa, unite i confettini colorati, spegnete il forno, e mettetevi la Ciaramicola. Il calore rimasto piano, piano cuocerà la vostra meringa senza che annerisca (come spesso è successo a me). Appena la meringa sarà cotta la vostra Ciaramicola è pronta per essere mangiata, magari la mattina di Pasqua!

Ed ecco la mia versione ...


Per l'occasione io ho cucinato la mia Ciaramicola con metà della dose sopra esposta ed invece dello stampo a ciambellone, ho usato lo stampo in silicone per muffin. Vengono dei gustosi dolcetti da poter gustare con una tazza di tè caldo, magari alla fragola o ai frutti di bosco.

Spero che la mia piccola prelibatezza pasquale vi sia piaciuta, e spero di averla "esportata" un po' anche nel resto della penisola e, chissà, magari anche all'estero ...... Per qualsiasi curiosità o consiglio sono disponibile ad aiutarvi, nel limite delle mie conoscenze....
Buon appetito!!!

Nessun commento: